Curiosità

5 motivi per cui le amache fanno bene alla salute

150 150 Amake

Amache belle e invitanti, se potessero parlare ti direbbero: “Vieni, vieni, salta dentro e rilassati”.

Anche solo guardandola ci si rilassa. Stare sdraiati su un’amaca non è solo piacevole, ma fa bene anche alla tua salute.

1) Stare sdraiati su un’amaca previene la tensione

Sdraiandosi nel modo giusto si può prevenire la curvatura della schiena. La schiena è sollevata e tutto il corpo si rilassa.

2) Ti addormenti più velocemente su un’amaca che su un letto

È stato dimostrato che sdraiarsi su un’amaca favorisce un sonno migliore. I ricercatori svizzeri hanno scoperto che i dolci movimenti di oscillazione in un’amaca (classica) portano ad addormentarsi più velocemente rispetto a un semplice letto.

3) Amache nell’ambito delle terapie per anziani, disabili e bambini

Attraverso virate e oscillazioni mirate, vengono trattati i disturbi dell’equilibrio e del movimento. Il movimento delicato dell’amaca è simile al grembo materno e ha un effetto calmante. I bambini che soffrono di iperattività e mancanza di concentrazione spesso si rilassano e si calmano più facilmente su un’amaca. L’energia in eccesso viene dissipata, i crampi vengono rilasciati e si cercano nuovi modi per controllare il corpo.

4) Le amache rilassano le mamme (in attesa)

In alcuni ospedali, le amache vengono spesso utilizzate dalle donne incinte per oscillare dolcemente e comodamente.

5) Le amache speciali per bambini trasmettono la sensazione del grembo materno

Anche dopo la gravidanza, le amache baby favoriscono la salute del bambino: le amache proteggono e sostengono la schiena ancora arrotondata e con i loro bordi morbidi danno al bambino una sensazione di sicurezza. Il leggero dondolio favorisce il senso di equilibrio e coordinazione del neonato e ha un effetto complessivo positivo sul comportamento. La posizione rilassata dell’amaca allevia la parete addominale, il bambino non può allungarsi eccessivamente.

Amaca, perche si chiama cosi?

150 150 Amake
👉 Hamac è un termine della lingua taìno, una lingua estinta (seppur con eredità ricche e appassionate) parlata nei Caraibi — e in particolare pare che questo fosse un termine diffuso sull’isola di Hispaniola, quella oggi divisa fra Haiti e Repubblica Dominicana. 🏝
👉Vi indicava un giaciglio tenuto sospeso per i quattro vertici, forse col primo significato di ‘rete da pesca’, ed è giunto a noi attraverso lo spagnolo, come tante altre parole della medesima provenienza, nella forma di hamaca. 🌎

Dove nasce l’amaca?

150 150 Amake

Dove nasce l’amaca?

L’amaca, tanto amata oggi perché giaciglio prediletto per riposanti pisolini in giardino all’ombra di qualche folto albero, in realtà ha origini molto antiche e altrettanto lontane geograficamente: circa 1000 anni fa gli abitanti del continente panamericano si riposavano su amache fatte con le cortecce degli alberi; poi si cambiò materiale preferendo il sisal, un filato ottenuto da fibre naturali, più elastico e flessibile.
Fu Cristoforo Colombo a introdurre questa comoda usanza in Europa; egli infatti utilizzava amache per far riposare i suoi marinai, così da non farli stendere sul pavimento delle navi, duro, scomodo e sporco, ma ben presto questa intelligente abitudine divenne costume comune.
Fonte: sapere.it